Pittura

Alcune Opere

Il Libro Donna

Tutte le cose accadute indietreggiarono nel tempo,                                                     e diventarono una fotografia vecchia e gialla,                                                         dalla quale talvolta, per un attimo,                                                                                     si staccava un volto                                                                                                                 per venirci incontro e subito spariva                                                                                   in mezzo alla vita, come in un balletto.                                                                           Giuseppe Fava – Pagine

Giuseppe Fava era un giornalista ed uno scrittore di teatro.                    Per guardare i suoi quadri e le sue incisioni è necessario partire da questa prospettiva.                                                                                                               Ad un certo momento della sua vita egli ha sentito che i colori e le forme potevano servire, almeno quanto la parola scritta, a dare una dimensione ancora più netta e drammatica ai personaggi ed ai sentimenti.                                                                                                                                     I sentimenti come ha dovuto scrutarli ben dentro la loro reale misura umana, per raccontarli sulla pagina del giornale o sulla scena.                     E i personaggi: violenti, dolorosi, grotteschi, patetici, trionfanti, o miserabili, come egli li ha conosciuti o evocati secondo la sua emozione o fantasia.

Sia nella pittura che nella grafica sono quasi sempre sentimenti e personaggi del Sud. Il Sud, anche questo bisogna intenderlo bene, non è un territorio determinato del mondo, ma una dimensione dell’anima, cioè quella realtà esistenziale dentro la quale i sentimenti sono spinti al limite estremo della loro umanità.                                           L‘odio è odio, l‘amore è amore!

Presentazione di Elena e Claudio Fava

Presentazione artistica di Francesco Gallo

Giuseppe Fava: la pittura come documento, racconto e denuncia, di Giovanna Mori

Personali
1966, 29 gennaio, Roma, Galleria San Marco
1967, Catania, Circolo della Stampa
1975 Catania, Galleria La Fenice
1975, Roma, Galleria Il Gabbiano
1975, 6 novembre, Roma, Galleria Sirio
1986, 27 dicembre, Catania, Centro culturale Incontri
2001, luglio, Taormina, Chiesa del Carmine
2019, 16 aprile, Milano, Biblioteca Palazzo Sormani